“Flour in Alpi”, la vetrina alpina delle farine.

“Flour in Alpi” – nuove prospettive per la cultura materiale e sociale alpina.

Politecnico di Milano – Design Alpino
Progetto personale: Enrico Ceria
Contatti: enrico.ceria@mail.polimi.it @Enri_Ceria
Categoria: Food Product Design

“Made in Flour” nasce dall’esigenza di valorizzare un territorio non sufficientemente promosso e coordinato. Al fine di fare “Sistema” rafforzando le Relazioni fra gli “attori” della montagna, rilanciando i Prodotti locali, migliorandone la Comunicazione, trasmettendo le Tradizioni e la Cultura Materiale del luogo. 

Con lo scopo ultimo di arrivare ad “un’alleanza” coordinata ed efficiente del tessuto sociale alpino.

Durante la fase di ricerca ed esplorazione ho individuato svariati prodotti alimentari che hanno un profondo legame con il territorio alpino. Mi sono concentrato sul complesso mondo delle farine. Creando una piattaforma che facesse in modo di far esplorare all’utente prodotti sostenibili, controllati e di qualità.

Ho progettato dunque “Flour in Alpi”, che attraverso il sito “Made in Alpi” lancia una linea di farine dalla forte identità alpina.

Le quattro farine selezionate sono: la farina da polenta biellese, ottenuta dal “Pignoletto rosso”, varietà autoctona recuperata dall’oblio, la farina integrale di Morgex, macinata a pietra, ottenuta da campi biologici valdostani, la farina di castagne IGP del Monfenera, dalle valli trevigiane ed infine la farina di segale della Valcamonica, antico cereale coltivato in questo territorio sin dall’età del bronzo.

Biellina è la farina da polenta macinata a pietra dalla storia secolare, da ben cinque generazioni che a Biella la famiglia Martinetto gestisce questa attività. Il granturco è un Pignoletto Rosso, coltura salvata dall’affermarsi della produzione industriale.

Camonina è la farina di Segale, cereale che ha una storia antichissima. Noto in Val Camonica già nel periodo dell’Età del Rame. La segale ci racconta di un’economia contadina essenziale e familiare fatta di duro lavoro.

Morgina è la farina di frumento tenero integrale coltivata nei campi di Morgex, in Val d’Aosta, alle pendici delle Alpi. La coltivazione è rigorosamente biologica, macinata a pietra in un antico mulino della Valle.

Trevisina è la farina di castagne di Treviso, culla della indicazione geografica protetta delle castagne del Monfenera, questo prezioso prodotto era l’essenza della cucina alpina di un tempo, essenziale per la vita delle comunità montane.

I quattro packaging si distinguono dalla concorrenza e presentano vantaggi competitivi: una scala graduata che permette di vedere il quantitativo di prodotto rimasto, una semplice ricetta corredata da QRcode ed infine grazie al brick l’utente riuscirà a mantenere le superfici pulite.

Il materiale selezionato è il “Tetra Pack”, sostenibile e compatibile con le farine, in particolare il “Tetra Brik Aseptic 1000” che garantisce funzionalità e sostenibilità, il tappo è rigorosamente bio-based. (Inoltre, la finestra polimerica si rimuove comodamente tramite la linguetta.)

Ho progettato una possibile interfaccia per l’acquisto su “Made in Alpi” e visualizzato un espositore per i prodotti “Flour in Alpi”.

In ultima istanza: tramite la piattaforma “Made in Alpi” vengono selezionati i produttori alpini certificati, che garantiscono rigidi standard di qualità e sostenibilità.

Ad una società terza verranno commissionati i packaging forniti poi al produttore locale, che commercializzerà il prodotto. Le farine saranno disponibili anche sugli store on-line, brandizzate “Flour in Alpi”.

Grazie a “Made in Alpi” e “Flour in Alpi” la montagna dialoga e si coordina integrando l’utente, mostrando i punti di forza del sistema alpino, rendendo protagoniste realtà locali, qualitativamente eccellenti, che difficilmente riescono a trovare canali validi con la concorrenza della GDO.

Un doveroso ringraziamento ai docenti: Aldo Faleri e Roberto Domenico Boni

Enrico Ceria

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=8ron0BJ4QZ4

1 commento su ““Flour in Alpi”, la vetrina alpina delle farine.”

  1. Enrico Ceria, dalle sue amate alture biellesi, scopre la passione per il “food” alpino delle farine naturali, costruendo una personale competenza su tipologie e luoghi di produzione, individuando nella mancanza di sinergie locali e forza di comunicazione corporativa e adeguato confezionamento del prodotto, l’elemento di criticità. La case-study mappa prodotti e produttori, che con un attento e rigoroso progetto di comunicazione e packaging sostenibile, sotto il cappello di una nuova brand identity Made in Alpi, può creare sistema e economia circolare a sostegno del prodotto d’eccellenza alpino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *